top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreConfapi Lombardia

COMUNITÀ ENERGETICHE RINNOVABILI: CRESCE LA CONOSCENZA TRA LE IMPRESE



Milano, 5 aprile 2024 – Indagare, a distanza di un anno, quanto e in quale direzione si sia modificata o evoluta la conoscenza relativa a struttura e vantaggi delle comunità energetiche rinnovabili. Con questo target, l’Ufficio Studi di Confapi Lombardia ha realizzato uno studio che ha coinvolto un campione di 300 imprese con sede nella regione e operanti in venti settori produttivi e, in prevalenza, metalmeccaniche. Ed è grazie alla comparazione con i risultati della medesima indagine realizzata nel 2023 che si può tracciare un andamento reale dello stato di avanzamento della consapevolezza sul tema. A spiccare è un significativo miglioramento della conoscenza delle CER. Se, infatti, 12 mesi fa il 51% degli intervistati considerava insufficiente la propria informazione in merito, oggi tale categoria si è contratta al 28% del totale. Allo stesso tempo, è raddoppiata quella porzione di imprese che definisce dettagliata e approfondita la propria preparazione sul tema, passando dal 9% del 2023 al 18% del 2024.Gli indicatori qualitativi emersi affermano che il grado di conoscenza sulle comunità energetiche rinnovabili è proporzionale alla dimensione dell’azienda, con una grandezza declinata sul numero di dipendenti: maggiore è la dimensione, maggiore la consapevolezza sul tema. In termini di comparto di attività, inoltre, dimostrano una più solida conoscenza le imprese dell’elettronica, dell’impiantistica e della produzione di arredi e mobili. Il metalmeccanico, comparto più popoloso nel campione totale, invece, mostra una distribuzione fortemente polarizzata sulla non conoscenza.

Infine, sono quattro su dieci le aziende che dichiarano di aver ricevuto adeguata informazione sulle CER dalla propria territoriale Confapi di riferimento, mentre sono due su dieci quelle che operano in autonomia in tal senso.

«Positivo che una porzione consistente di intervistati abbia sottolineato il ruolo della propria Confapi di riferimento nell'accrescere conoscenza e consapevolezza sulle CER - sottolinea il presidente di Confapi Lombardia Pierluigi Cordua -. Ora ritengo che sia necessario continuare a lavorare affinché il numero di imprese interessate possa crescere. C'è però l’esigenza di chiarire ancora alcuni aspetti in termini di regolamentazione e di finanza agevolata a disposizione per poter dare un vero innesto a un processo che per noi ha grandi potenzialità. Il sistema Confapi continuerà certamente a svolgere il proprio ruolo di stimolo per fornire anche strumenti pratici che vadano a evidenziare le opportunità di tale strumento, anche in un'ottica di ESG e di relazione con le comunità locali di appartenenza».


35 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page