• Slide

Approvata legge che assegna funzioni a Città Metropolitana Milano

lombardia-150929164203_big-640x426Nel pomeriggio di martedì 29 settembre il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato a maggioranza la legge sulla valorizzazione del ruolo istituzionale della Città metropolitana di Milano, dopo l’entrata in vigore, l’8 aprile 2014, della legge nazionale “Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni” che ridefinisce i confini e le competenze dell’amministrazione locale.

La legge regionale prevede anche il riconoscimento della specificità dei territori montani. Il voto sul provvedimento ha ottenuto il voto contrario del Movimento 5 Stelle e l’astensione del Partito Democratico e del Patto civico.

Relatore in aula era il presidente della Commissione Affari Istituzionali, Stefano Carugo (NCD), che nei mesi precedenti ha lavorato più volte in seduta congiunta con la Commissione speciale per il Riordino delle Autonomie, presieduta da Carolina Toia (lista Maroni).

Il presidente del Consiglio Raffaele Cattaneo ha affermato: “La legge approvata oggi  attribuisce  alla città metropolitana le funzioni e le competenze per cominciare ad operare. Certo si può sempre fare meglio e osare di più, ma mi pare importante sottolineare che questa idea istituzionale, di cui si parlava dal ’90 e che è destinata a cambiare i rapporti tra la Regione e il territorio di Milano, esce finalmente dal limbo per diventare realtà”.

Tra gli strumenti inseriti dal provvedimento c’è la Conferenza permanente Regione-Città Metropolitana, in particolare per il raccordo del Piano regionale di sviluppo con il nuovo Piano Strategico metropolitano. Nodo cruciale sono gli articoli 2 e 3 sul trasferimento delle funzioni dalla ex Provincia di Milano: la Regione gestirà Agricoltura, Foreste, Caccia e Pesca, Politiche culturali ed alcune funzioni relative ad Ambiente ed Energia.

Dopo un lungo confronto è stato stralciato l’articolo che prevedeva la nascita del Parco regionale metropolitano di cintura verde dalla fusione del Parco Nord Milano e del Parco Agricolo Sud Milano, amministrato da un unico gestore, come previsto dallo Statuto della Città metropolitana. La richiesta di abrogazione dell’articolo era stata avanzata dai consiglieri Giampietro Maccabiani (M5S) e Fabio Pizzul (PD). In Aula per la Giunta è intervenuto il sottosegretario alle Riforme Istituzionali, Giulio Gallera.

You may also like...